Notorieta’ relativa valida base di opposizione alla registrazione di marchio

Con la decisione del 23 giugno 2014, l’UIBM ha confermato che anche la la notorieta’ relativa può costituire valida base di opposizione alla registrazione di marchio.

La sentenza infatti ha rigettato la registrazione, da parte di terzi, del marchio “‘MO BAST”, gia’ utilizzato dall’ononima associazione no-profit, nel territorio campano: nel caso di specie, quindi, la diffusione del marchio, seppur limitata al Sud-Italia, e’ stata ritenuta sufficiente per definire il marchio come notorio, ai sensi dell’articolo 8 del Codice di Proprità Industriale.

Questa decisione segue in realta’ quella del 17 marzo 2014, relativa al marchio ” Il mondo dei doppiatori”. L’opposizione in questione fu inizialmente rifiutata, in quanto l’UIBM non ritenne sufficiente una notorietà meramente relativa. La Commissione dei Ricorsi ha invece rovesciato tale pronuncia, considerando quale base idonea di opposizione anche la preesistenza di diritti su un segno che risulti notorio anche solo per uno specifico target di consumatori geograficamente o settorialmente limitato.

L’UIBM ha quindi adottato una piu’ estesa definizione di notorieta’, che rende piu’ agevole la vittoria delle opposizioni sulla base di marchi non registrati in Italia.